A.C.R.S.D. KAIROS

  • facebook
Home » Accademia Kairòs Teatro » La Didattica » Dizione, uso della voce e Recitazione Cinematografica
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Dizione, uso della voce e Recitazione Cinematografica

Programma di Studio Biennio Kairos Academy


Premessa
L'insegnamento della Dizione e dell'uso della voce è finalizzato a guidare gli Allievi in un viaggio attraverso le proprie potenzialità espressive collegate all'utilizzo del linguaggio, mediante un lavoro sulle immagini che stanno dietro alle parole, sulle linee invisibili del pensiero che sono alla base di un testo, sul rapporto unico e personale, fisico e mentale, che ogni attore deve creare con un testo e sugli strumenti per dare forma a questi elementi invisibili (ritmo, volume, tono e colore).
Il corso di Recitazione Cinematografica svilupperà un percorso volto a mettere in luce le differenze tra la presenza scenica richiesta all'attore teatrale e quella richiesta all'attore cinematografico. Sarà un percorso pratico ed esperienziale trascorso di fronte alla macchina da presa, i cui materiali prodotti, saranno oggetto di studio e analisi.

Obiettivi generali
L'insegnamento della Dizione e dell'uso della voce sarà ripartito in lavoro su voce e respiro, dizione e pronuncia ed espressività. Verrà dapprima affrontato uno studio teorico che verrà consolidato attraverso l'applicazione pratica in rapporto a testi di varia provenienza: repertorio teatrale classico e repertorio teatrale e cinematografico contemporaneo che verrà utilizzato per esercitare la capacità di individuare e mettere in pratica le numerose strade che si presentano quando si è di fronte a un testo da gestire.
Con l'ausilio di dispense fornite agli Allievi, registrazioni audio e numerosi esercizi di articolazione, si prenderà contatto con gli strumenti espressivi dell'arte teatrale.
L'insegnamento della Recitazione Cinematografica mira a far apprendere agli Allievi diverse modalità di stare di fronte alla macchina da presa attraverso il lavoro su scene per il video (sia monologhi che scene a due, tratte dal repertorio cinematografico mondiale di diverse epoche e dal repertorio televisivo e pubblicitario italiano contemporaneo) e attraverso l'esplorazione di stili espressivi differenti che vanno dal drammatico al comico.
L'Allievo verrà inoltre guidato a diventare uno spettatore consapevole, in grado di analizzare i punti di forza e di debolezza di un attore in un film, attraverso l'analisi della recitazione di attori cinematografici molto diversi tra loro.


Programma Primo Anno
Voce e Respiro
- La respirazione, naturale e diaframmatica;
- Esercizi per il potenziamento della voce e per liberare la voce naturale;
- Gli organi della fonazione: anatomia e fisiologia dell'apparato fonatorio e respiratorio;
- Il fonema: suoni vocalici e consonantici;
- Impostazione e modo di articolare il suono.
Dizione e pronuncia
- Elementi di fonetica;
- Le posizioni della lingua per pronunciare correttamente le sette vocali;
- I punti di articolazione e le dinamiche di articolazione per la formazione delle consonanti;
- L'accento tonico e l'accento fonico: regole principali di accentazione e pronuncia;
- Le vocali e ed o aperte e chiuse: casistiche principali e strategie di apprendimento;
- Le s e le z sorde e sonore e le consonanti sorde e sonore;
- I raddoppiamenti sintattici;
- Gli schemi tonali delle diverse regioni italiane e lavoro sulle cantilene;
- Le trasformazioni delle consonanti nelle diverse regioni italiane;
- Varietà di pronuncia: pronuncia moderna e pronuncia tradizionale;
- I suoni difficili;
- Analisi dei difetti di pronuncia più comuni;
- Analisi individuale del modo di parlare di ogni singolo Allievo e messa a fuoco di obiettivi personali;
Espressività
- Volume, tono, tempo, ritmo e mordente come risorse espressive;
- Legato e staccato;
- La parola chiave;
- La punteggiatura e la pausa;
- Gli incisi;
- Le immagini interiori contenute in un testo;
- L'azione sotterranea di un testo e le linee del pensiero;
- Esercizi di narrazione personale per esplorare il legame vivo tra immagini pensiero, emozioni e parole;
- La ricerca della parola, non come membro di una frase imparata a memoria ma come linguaggio portato e mosso da un reale pensiero;
- Pausa logica e pausa psicologica;
- I 4 elementi (acqua, aria, terra, fuoco) come risorse espressive da utilizzare nella lettura di un testo

Programma Secondo Anno
- Esercizi di ascolto per sviluppare quella sensibilità fondamentale per l'attore utile ad adattarsi a ciò che sta succedendo nel qui e ora senza cercare di costruire risultati preconfezionati;
- Esercizi di rilassamento per abbassare le tensioni fisiche e mentali così da imparare a gestire la naturale ansia che si innesca con l'accensione della macchina da presa;
- Analisi del testo e degli obiettivi del personaggio:
la comprensione della reale natura di una scena attraverso gli obiettivi contrapposti dei personaggi o le dinamiche contraddittorie dei singoli personaggi è fondamentale per poter andare sotto la superficie delle parole e vivere le reali direttive di una scena piuttosto che recitarne le parole;
- Esercizi sensoriali per allenare l'attivarsi di dinamiche emotive attraverso la stimolazione dei cinque sensi;
- Analisi e studio dell'inquadratura al fine di adattare la propria espressività e il proprio linguaggio del corpo in rapporto alle differenti tipologie di inquadrature (dalle inquadrature più larghe fino al primo piano);
- Allenamento al provino, attraverso la simulazione di provini che rendano l'Allievo il più possibile preparato per un momento molto delicato del lavoro dell'attore e abbastanza diverso e particolare rispetto alle fasi successive di lavoro di un film.

Chiedi informazioni Stampa la pagina